Cangini & Kobelco. Clima di attesa alla Cava di Palosco (BG).

La benna Multiscreening VMS Cangini, lanciata da circa un anno sul mercato internazionale, sempre più è un attrezzo protagonista sui cantiere e negli eventi dove la selezione e il riciclaggio sono le operazioni preminenti.

Il mese scorso la Multiscreening è stata invitata a partecipare al primo di una serie di eventi organizzati in cava: la Cava Palosco di Bergamo. Qui gli specialisti del settore vengono a provare le macchine delle maggiori case costruttrici, con le attrezzature che principalmente si usano in questo tipo di ambiente, dalle benne alle selezionatrici e vagliatrici.

Ad aprile, per il primo evento, i riflettori si sono puntati sul costruttore Kobelco per il lancio in anteprima europea del nuovissimo SK210SNLC-10: 21 tonnellate, carro in sagoma, cingolato.

Al suo esordio, il nuovo escavatore Kobelco è stato attrezzato con la benna vagliatrice Multiscreening Cangini, frutto della ricerca del reparto interno di R&D e brevettata.

Più di 300 imprenditori hanno visitato l’evento in cava, oltre 1000 le prove eseguite.

“La benna Multiscreening Cangini è perfetta per noi – raccontano alcuni tester invitati  – perché con la stessa attrezzatura possiamo ottenere materiali di diversa pezzatura senza fermarci per sostituire i vagli.”, ci spiegano, e questo risultato centra  l’obiettivo che l’area R&D di Cangini si era prefissata.